scrivere-per-il-webCi pensate mai a quanto tutti noi abbiamo a che fare con le parole? Per aspirare al Nobel o semplicemente per scrivere un volantino dell’associazione di volontariato.

Finita la scuola, qualcuno ha pensato di essersi tolto il pensiero, basta brutte copie e temi da svolgere, qualcun altro invece  ha scoperto che giocare con le parole era un’attività interessante. C’erano le pagine di un diario, i romanzi iniziati a dodici anni e mai portati a termine, e c’era qualcuno che una penna proprio non voleva tenerla in mano.

Poi c’è stata la rivoluzione digitale e abbiamo pensato che la scrittura, come l’avevamo sempre conosciuta, sarebbe scomparsa per la gioia di alcuni e il rammarico di altri. Invece, proprio il Web ha moltiplicato esponenzialmente le possibilità di scrivere: grazie a forum, blog, social network e tutto il resto, una smisurata quantità di conoscenza fatta di parole è tornata alla ribalta. Soprattutto, il Web ha rimesso al centro l’importanza del contenuto.

Oggi abbiamo capito che, indipendentemente dall’obbiettivo o dalla necessità del momento, con le parole ci dovremo sempre confrontare e che, nonostante le immagini ci riempiano la giornata, le relazioni sono fatte di parole. Colorate magari.

Sono sempre stato affascinato dalla genesi di un testo scritto, un processo complesso e multiforme che comincia in qualche posto nella testa dello scrittore e che, oltre a tecnica ed esperienza, è fatto di riti, scaramanzie o imprescindibili abitudini diventate proverbiali . Una volta intuito, esiste l’applicazione del metodo, diverso per ognuno, per rendere concreta l’idea.

1. Essere consapevoli di come si è fatti.

Sembra banale ed invece non lo è. Nello scrivere, ma per quasi in tutte le attività, noi esseri umani ci dividiamo in due categorie molto definite: chi, preso dall’ansia, programma con precisione per arrivare pronto all’appuntamento e chi invece ha bisogno dell’adrenalina dell’ultimo momento. Non esiste giusto o sbagliato, esiste solo la correttezza nei confronti dei colleghi e del cliente.

Rispetta ciò che sei, è inutile sprecare energie per andare contro la propria natura, ma conoscendola potrai sfruttarla per ottenerne il meglio.

2. Scegliere, non incollare

Solitamente, per ogni lavoro creativo, esiste una parte più o meno cospicua di materiale scartato. All’inizio, soprattutto quando si è giovani, non ci si fa caso. Poi, a un certo punto, la guardi e pensi che sia uno spreco; con il tempo ti metti l’animo in pace perché un buon lavoro è un lavoro di scelta tra molte opportunità, non di collage.

Cerca sempre un’altra possibilità; non aver paura perché non è tanto importante il risultato quanto quello che ogni percorso ti ha insegnato.

3. Correre, perché la paura non ti salti addosso

Che tu sia estremamente minuzioso come chi programma o “silenzioso” come chi fa tutto all’ultimo momento, quando il lavoro preparatorio sarà terminato, prenditi un bel respiro e via di corsa giù per la collina senza fermarsi.

Il lavoro creativo ha un terribile nemico: noi stessi!

Una parte di noi ha paura. La creatività è un emozione fortissima e, soprattutto, antropologicamente contro natura: l’uomo tendenzialmente non è propenso al cambiamento. Ma in quel momento è meglio buttarsi e correre senza pensarci. Dopo verrà la verfica, la revisione e il respirare.

Che il programma sia pronto o meno, arriva il momento in cui bisogna buttarsi. Buttarsi senza remore. Ci penseranno la nostra esperienza e preparazione a salvarci al momento opportuno.

4. Abbandonare le impalcature

Ognuno di noi ha, oltre a una struttura psicologica “ben” definita, anche un determinato linguaggio con ritornelli lessicali, sintattici e piccoli vezzi. Nel parlato come nello scritto. Dopo aver fatto la corsa creativa è bene rivedere dove abbiamo lasciato queste “parole impalcatura” che ci fanno sentire più sicuri, ma purtroppo rendono meno efficace il testo. Non è facile. In questo caso possiamo farci aiutare da un collega o da un amico. Il mio vezzo? Mettere aggettivi possessivi ovunque anche quando non servono: mio, tuo suo… come se dovessi assegnare qualche proprietà a qualcuno.

Essere consapevoli dei propri difetti e imparare, giorno dopo giorno, a tenerli a bada è il più grande allenamento che possiamo praticare  per la nostra intelligenza. 

5. I sinomini aprono l’orizzonte

A cosa serve leggere per scrivere? Serve per ascoltare parole, sintassi e forme diverse. Abituare l’orecchio ad altre sonorità, che al momento opportuno torneranno utili. I sinonimi sono meravigliosi, aprono strade inaspettate a volte. Per ogni scelta c’è almeno una possibilità di modificarla al meglio, basta avere orecchio per le sfumature. Vedrete quale ricchezza.

Il linguaggio è materia viva, nonostante le rivoluzioni e i mutamenti, è necessario rincorrerlo senza fermarsi.

6. La scrittura non è matematica

La scrittura non è matematica, ma ha delle regole che vanno rispettate. Con le parole raccontiamo quello che sta intorno al principio di causa ed effetto che sembra governi la nostra vita. Mettetevi l’animo in pace: non c’è la versione corretta, ma solo quella che riesce a raccontare ciò che di solito esce dal calcolo, dalla matematica spicciola del quotidiano.

È una battaglia lunga, ma ne vale la pena quando una pagina racconta davvero un’azienda, la sua storia e emoziona chi legge.

Capiterà a tutti di scrivere. Nessuno pretende di essere Calvino con la sua scrittura cristallina, ma pretendiamo da noi stessi di vincere la pigrizia e di cercare le parole per raccontare anche le sfumature.

SIMILAR ARTICLES

  • http://www.facebook.com/alfio.giuffrida.5 Alfio Giuffrida

    Carissimi, avete visto il mio
    nuovo sito http://www.alfiogiuffrida.com/
    dove è aperto un forum sui maggiori
    problemi di attualità? Mi farebbe molto piacere se ognuno di voi inserisse un suo
    commento in uno degli argomenti del forum. Vedete anche il sito http://t.co/L1oZOWLK dove sono in vendita i miei libri a prezzi
    scontati. Gli ebook costano solo 1 euro! Ciao e grazie. Alfio