A novembre del 2008 in Nuova Zelanda, gli abitanti di Rodney District avevano un grosso problema: le macchine sfrecciavano ad alta velocità nei pressi delle scuole, con tragiche conseguenze per i bambini.

Per sensibilizzare gli automobilisti è stata creata una campagna che fosse come un pugno nello stomaco: importante ed efficace come poche altre per comunicare il messaggio, sfruttando anche l’effetto teaser.

Nella città sono state distribuite sagome di una bambina con distintivi stivali rossi e uno sguardo triste.

L’immagine era ovunque nei parchi, nei parcheggi, nei supermercati, vicino alle scuole, ai bordi delle strade, ma senza alcun messaggio.

Dopo tre settimane, la stessa bambina aveva in mano un cartello giallo, simile ai cartelli stradali con un messaggio:

The kids you kill never leave you

Agenzia Colenso BBDO.